Bipolar Disorder and Shameless: the reasons why Ian Gallagher is not Out of Character

Italian version

This project is born with the purpose of shedding light on Bipolar Disorder. In particular on how it’s treated in the show “Shameless”, focusing, of course, on Ian Gallagher.
-We’ll quote reliable, trustworthy, competent sources, we will rely on qualified scientific texts and on the words of the doctors from which one of the authors is in care.-

Is there to be noted that mental illnesses in general are difficult to be described because it’s impossible to generalize them. Each subject reacts in a different way, there isn’t a unique way to show this disease.

In this article we’re going to explain the various types of Bipolar Disorder and its less disabling shape, that is the Cyclothymic one. So as to have a complete picture of all the symptoms, hoping that anyone suffering from this disease isn’t going to be considered an apathetic stoned asshole anymore.

Hopefully this article will be helpful to dispel the myths created by the authors of TV series that seem not to be able to do their work properly.
Following these programs, people often get a wrong idea of certain diseases, putting on them more fear and prejudice rather than play them down and make them more “accessible” to all of us, or almost.

 

What’s Bipolar Disorder?

Quoting Wikipedia; a source accessible to the most and correct just in this particular case:

“Bipolar Spectrum Disorders”, consist of syndromes of psychiatric interest substantially characterized by an alternating between the two counter-polar conditions of psychic, its excitement (hence the so-called “mania”) and on the other side its inhibition.

This dysregulation resulting in the development of functional alterations of thymic balance (psychopathology mood), the thought processes (affecting the shape and content of thought), motor skills and behavior of the initiative, as well as in neurodegenerative manifestations (abnormal levels energy, appetite, libido, the sleep-wake cycle).

Disturbances of the “bipolar spectrum” are mood disorders – not to be confused with personality disorders. (This is extremely important to keep in mind).
Based on the Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM), bipolar disorders include bipolar disorder type I, bipolar disorder type II, Cyclothymic Disorder and the category remaining, the Bipolar Disorder Not Otherwise Specified. In all this there’s psychosis, except in the Cyclothymic one.

To characterize Bipolar Disorder there are depressive and manic (or hypomanic) episodes.

Depression’s symptoms are well known: depressed mood, negative thoughts, fatigue and lack of energy ( “can’t make it”) in the daily activities, night waking activity distressing, ideas of death, hopelessness, loss of appetite or overeating, disaffection to the pleasurable activities, reduced sex desire, difficulty concentrating and paying attention, irritability, lack of understanding of the other sensation, indifference to manifestations of solidarity.

Mania’s symptoms are quite striking, though in varying degrees: unusually expansive mood, disinhibition, costliness of money, indefatigability, joy, hyperactivity with strong distractibility, restlessness, overexcitement, euphoria, irritability, aggression and impulsivity, increased speed of the thoughts, decreased need for sleep, overestimation of capacity, low capacity of judgment, drug abuse (particularly cocaine, alcohol and medical drugs), increased sexual activity, provocative, intrusive or aggressive behavior. We talk about “manic episode” if symptoms persist for more than week.

The hypomania is a state less intense compared to the manic state and is distinguished from happiness as it is perceived by others as unusual, not related to life events.
Commonly, there are two forms of bipolar disorder: Bipolar I disorder, in which at least one manic episode is necessary to make the diagnosis; depressive episodes are common in bipolar disorder I, but are unnecessary for the diagnosis and Bipolar II disorder, which is characterized by episodes of major depressive episode and hypomanic episodes.

Severe episodes of mania or depression include sometimes psychotic symptoms, hallucinations and delusions, which tend to reflect the mood phase. Delusions of grandeur may occur during mania; delusions of guilt may appear during depression.

Some patients may implement suicide attempts. The risk is highest early in the disease, when to the subject isn’t clear how to deal with suffering. Once you recognize Bipolar Disorder it become easier to manage it and to ask for help at the right time. Those who talk about suicide must be taken seriously and it must immediately seek the attention of a psychiatrist or psychologist. [1]

In detail, considering our interest in Ian Gallagher:
Bipolar I disorder: is characterized by the presence of one or more Manic Episodes or Mixed Episodes for at least a week; people who suffer from it often have had one or more Major Depressive Episodes lasting at least two weeks; such episodes cause clinically significant distress or impairment in social, occupational and educational activities.

Then, for a better understanding of the type I, considered the graver, these pictures describe the difference between disorders types:

bipolar 2
2qvh7x5
As you can see, the type of bipolar disorder that interests us (Type I), has a course far more troubled than the other two.

It starts with:
-Growing mood increase (Season 4)

tumblr_n0rhduNwlg1qbr8cio2_250

-Manic episode (hypersexuality, distortion of reality, psychosis- although this will be seen in the fifth season more)

tumblr_nld3x9RMTc1r1hz6jo4_250 tumblr_nld3x9RMTc1r1hz6jo1_250

About manic episode there are to point out a couple of things we haven’t seen but we all know too well.
The period between the end of the third season and the beginning of the fourth one that we don’t get to see.
The tattoo: that, moreover, represents an eagle on a rifle, a typical military symbol. Place on badges, medals, pins.

tumblr_n2ax7yRqdZ1qd7golo1_500 tumblr_inline_nhetonE41b1qiltnw 162_001

But what interests us the most is the reference to the helicopter. He tries to steal it and he destroys it. He takes it as a game, not understanding the real severity of the situation. This is clearly a manic episode. [4×08]

-In the fourth season, however, we get to see the hyperthymia phase, ie we see the person getting cheerful, exuberant, playful, optimistic, carefree, self-assured, boastful, megalomaniac, outgoing, looking for people, full of energy, full of projects, that search for risky activities, versatile, who has many interests and is indeed involved in activities; he’s indiscreet, uninhibited, looking for new stimuli.

1 2

-Then there’s a total freefall that, within a few days, led him to a Major depression episode (4×12 in particular).

tumblr_n3o5a4CIQ51txschlo2_250 tumblr_n5yzas1RYe1tajbhpo5_r1_250

The way to get out of depression is uphill and in fact as we can see from the chart, the mood gets up slowly but, in the end, not even all the way up; he’s therefore always in a state of depressed mood (boredom, dissatisfaction, indifference, apathy, irritability -beginning of the fifth season) which is, perhaps, the normal period of the Bipolar person.

And the cycle begins again:
Manic episode (the seizure of Yevgeny is the result of a distortion of reality, psychosis explained as the “stroke of genius” that led Ian to flee to “save” the baby; religious delusions, hallucinations -5×06 in particular).

tumblr_nk1auwtXSQ1si59hho3_250 tumblr_nk1auwtXSQ1si59hho4_r1_250 tumblr_njw5rlRF5y1rrl0mgo5_400

But where’s the depressive episode after the manic one? And why did Ian started behaving so bad after 5×06?

Let’s talk about this in distinctives points:

-” Where’s the depressive episode after the manic one?

Ian, after 5×06, underwent an unreliable psychological help.
He passed by a forced hospitalization (Involuntary treatment or forced drugging) to which he had to give his consent without knowing what was going on (“The bipolar doesn’t know himself.”- [2]) surrendering completely; the important thing, for the family, was to sedate him. Why? Let’s face it –they were afraid that he would do other bullshits; They were concerned, and this is apparently good.

So he went from going to incompetent psychiatrists until returning home without seeing any doctor and without a proper course of treatment.
He was scared by the immediate side effects of the meds, because if you don’t accept that your condition it’s not healthy, you’ll never accept the fact that you must get used to feel so, with medicines, at least for the first periods.

All of this, in a sense, has arrested the possible depressive episode; but definitely it has discombobulated Ian’s already precarious psycho-physical balance. Plus, some bad companies have deviated him even further.

– “Why did he started behaving so bad after 5×06?”

Aside from all the reasons listed above, which have undoubtedly contributed -frustration, confusion and so on- we have to consider Mickey’s behavior towards him.
Unfortunately, as so often happens when the person you love is sick, is inevitable to be concerned and more “interested” to the disease than to the person itself.

It’s not Mickey’s fault, indeed, but if we understand Ian’s feelings, we’ll understand why he got to say some bad things like in 5×10 and subsequently in 5×12; not having accepted his condition, the overprotective behavior of his lover cannot be totally understandable for Ian. He feels misunderstood, different, isolated in a bell jar -and this is never the best solution.
But who’s gonna tell Mickey, who’s just deeply concerned and worried for the person who loves? But at the same time, who ‘s gonna tell Ian that Mickey is just as much scared as he is?
It’s a complete misunderstanding, that hurts and injures equally both of them.

 

Episodes analysis

Now let’s compare some episode relating Ian’s behavior to the disease, also trying starting to restore a bit of hope to the fans of the couple, to show that, most likely, the authors has read something about this disease before talking about it on television.

Ian’s reaction in 5×06 makes sense, and the others reactions as well; including the much-hated 6×01 one. (We will open a separate chapter about this topic later).

As mentioned earlier, the “bipolar spectrum” disorders are mood disorders – not to be confused with personality disorders. We want to specify it again, because a person with bipolar disorder is always the person that you know, always. His personality doesn’t change: if not treated, the person with this condition will seem like another person when it’s not; he’s and always will be there.
The bipolar person is a person like any other. The first mistake done with a person suffering from this disorder it’s not be able to see beyond the disease’s barriers.

We will start from some quotes, taken from the blog already mentioned previously [2] and we’ll try to reason together on the reasons of Ian’s behavior, and later on on the reason why it may not be the definitive end of Gallavich.
[The quotes are taken from an Italian source, then translated by us.]

 

“Relationships with a bipolar are complicated, complex, painful. Bipolar has no middle ground, or transitions. One of the characteristics of this type of people is boredom: he often get easily bored of routines and things. You must be multifaceted to entertain a bipolar person for a long time. Bipolar always feels misunderstood because the misunderstanding begins from himself, he doesn’t understand himself in the first place. Bipolar is sad or happy but he doesn’t know why; he loves you or hates you but he doesn’t know why; he’s bored or not but he doesn’t know why. Bipolar doesn’t know the reasons why.”

Does this remind you something? Ding, ding, ding!

You remember when Ian started collecting suitcases?
When Ian (due to hyper sexuality) looks for and finds ways to make money doing sex here, there and everywhere? When Ian looks so bored, lethargic, bad, throughout the first half of the fifth season? This concept explains perfectly those tattered and seemingly indefinable behaviors. We read too many times comments like: “Who’s that Ian? I don’t know him. “, Trust us, he’s under there, somewhere, fighting the disease while it takes over, without ever winning.

 

“Many patients, however, prefer not to be held personally responsible for their situation, they prefer to think that their illness is organic and that there’s nothing to do.”

(“Too much is wrong with me. That’s the problem, is not it? Too much is wrong with me, and you can not do anything about that. You can not change it. You can not fix me because i ‘m not broken. I do not need to be fixed, okay? I’m me.”) [5×12]

Oh, believe it Ian. You are in pieces like you’ve never been before in your life. You are in pieces, the road is uphill, but it’s not true that nothing and no one will ever change it. It’s not true that it’s you; but try to explain it to him, when his conviction is, in fact, that there’s nothing to do with his condition. *

*Recall that before 5×12, Ian was in Monica’s company. During his visit, Monica convinces him of being a burden to Mickey; She convinces him that Mickey wants to change him, and that people like them can find happiness and love even being “themselves.” ( “Ian, there’s always gonna be people That are gonna try and fix us, and you can never make happy Those People- Like, it breaks Their heart just to look at you. I’m sure he means well, but you need to be with people who accept you for who you are. And they’re out there. You Should never apologize for being you. You, Ian. I love you. “)
Has Monica, in your opinion, ever accepted her illness? Has she ever been back on track? Or does she remained with the belief that bipolar disorder is part of her being? The answer is clear to see. In addition, you remember how Ian cried just hearing Mickey’s name? You’d better not forget this detail so easily, because this is the proof that under the black whirlwind of bipolarity there’s still Ian.

Ah … Have you ever tried to put yourself in Ian’s shoes? Have you ever tried to wonder why he gets to say what he said in 5×10? Let’s say that you’ve been newly diagnosed with a life treating condition that will not allow you to live your days as you thought. You are certainly shocked, and most of the time you don’t understand how that feeling of “happiness” may be indicative of a chronic disease condition. You don’t understand and you don’t immediately accept. Then, you don’t even have time to metabolize all, to scratch the surface, that people around you begin to change as if nothing had happened.

“It’s for your own good”, they tell you, “We’re just concerned.” But how can you even think of tackling suck a drastic and traumatizing change if the people you love are no longer the same? If your brothers look at you just waiting for your next splurge? If they tell you that if you want to be normal you have to take these and those medicines without make you understand? If the person of your life turns to be the opposite of who you fell in love with, showing a side of himself that, however, has always preferred to repress? Obviously, all this together harms badly an already compromised psyche. Ian is adrift. Ian is sick, he doesn’t understand, nor accept his illness; how can we blame him if he seems a bad, lethargic and doped up asshole? He’s not even getting a real valid help; in fact, they’re -for lack of information- torturing him even further.

 

“Bipolars […] have a number of troubled relationships, with difficulty to close them and tend to keep them up over time. They are people who have difficulty with the loss’ process, tending to never ending relationships, without closing them but disappearing. They cannot have a constructive discussion about the relationship, they fail to deal with the pain of separation and the anxiety of abandonment. So as said they literally disappear panicking whom is by their side.”

We cannot mention 5×06 because, in that case, it can’t be considered as an escape due to the relationship with Mickey, but as a result of a manic episode.

We talk about this kind of disappearance if we take into account the time when Ian decided to go with Monica at the end of 5×11; we’ll start from this point, explaining the bad relations to which we referred before.

A bipolar person has, of course, a very vulnerable mind, a fickle character and a conditionable decision capacity . When Sammi slams Ian in prison, all his certainties disappears in the exact moment when he finds himself in that hellish place. If we want, Ian was beginning to accept his disease during 5×10; rather than accepting it, he was at least starting to re-evaluate Mickey’s “abnormal” actions, to understand the cause of his change and to be hopeful for his relationship and for his future. But then he fell back in the vortex, and this is blaming necessarily to the authors. Yet another hole in a relationship that barely was beginning to stand up after five seasons.

When he speaks with Monica he finally feels understood; he knows that Monica is bipolar, he feels understood because who better than Monica knows how it feels? And she’s smart because she convince him to escape bringing up Mickey, speaking of the fact that he wants change him and that he doesn’t necessarily has to change, because he’s what he is and if his boyfriend doesn’t accept who he is, it means he doesn’t love him. She convinces him that he’s only harming Mickey, and that there are people in the world who will love him without making him weigh his illness.
All this is deleterious to Ian and, in general, to those affected by this disorder.
Bipolar Disorder must always be taken care of. It’s disease, not a character trait as selfishness might be. Selfishness that Monica shows with these words.
Having a mental illness doesn’t mean being said disease. But it doesn’t mean pretend it doesn’t exist either. You have to accept it, let it be a part of us without let it domain us, leading us to solitude. The disease and who you are inside are two completely different things. But, again, no one has ever explained all these things to Ian and so he takes the Monica’s words at face value, he justifies his desire to run away and to not deal with things and takes the ball, disappearing.

In 5×12 Ian is clearly being brainwashed, like the fact that he won’t have a constructive conversation with Mickey; he pours everything out, he’s the only one speaking, Mickey is helpless and all this because Ian has no intention of being told otherwise. Because deep down he knows that’s not the truth, he’s afraid of the truth, so he prefers to blame Mickey rather than accept it.
This brings us to 6×01.
We all have hated Ian a bit in this episode, let’s face it. Whoever defended him remained puzzled by such inexplicable evil.
We were about to give up as well, until the end, when Ian says those words.

“I’ll wait for you”. We stood there, stunned, and not for the reasons that we see written all over the internet. Not because Ian is evil and wants to delude him, but because Ian is just as sick as suspended between two realities. It’s heartbreaking.

Why telling Svetlana that he no longer wants to have anything to do with “that part of his life”, calling it “closed”, only to find himself in front of it and prove the exact opposite? There is a reason why Ian doesn’t want to go, even going there only under recompense.
Ian is afraid that once he got there, all his convictions to be moved on inexorably fall. Because it works so, as mentioned above, he cannot close the relationship.
He’s afraid, he’s terrified, and for all this reasons he prefers to keep the relationship going without even believe in it, without even wanting to actually have one. He wants him continuing to be there as a “back-up plan.” -And Ian psyche’s compromised part not even want to do it.- And that It might seem cruel, but that’s the result of a sick mind, not a bad person.

Ian is selfish, but not so selfish to give hope to a man that’ll spend years of his life in prison. And that he supposedly have loved and love. Not as bad as not having had the courage to look him in the eyes throughout the whole meeting, and then finally looking at him and only to tell him that he will wait.
There must be some truth to the bottom of that timid promise, a fear fund to what may be the end of their relationship or even the promise of a rebirth. Ian’s afraid of both. And then he runs away, again, as we have said, because it can’t do anything else. Because, in a sense, he no longer wants to be injured and really wants to pretend to be really gone over to that part of his life.

And to delude oneself is easy, especially when there’s so much more crap to accept, and Ian does so because it’s the least painful way.

Ian is still there, under the black whirlwind of bipolar disorder, we don’t see it because the disease is devouring him; but he’s there. We see him in the smile that he wants to hide from Mickey, in 6×01, that’s Ian. But the disease tells him to cast Mickey away, to escape. It’s really all disease’s fault, and the authors are not giving him enough space to understand it. As they never did.

All the negative that we will see in Ian behaviors are the results of the disease. His being apathetic, it’s the disease. Serving cupcakes to the firefighter (according to the spoilers) will be the disease.

 

“In particular the escape […] is a way for them to look elsewhere for the emotional instability that cannot be found in the official relationship; affective instability that goes hand in hand with their mood. “

Here it is! The “famous” fireman. Also what happens with him is the result of the disease.
According to the spoilers: Caleb will not give a solid shit about Ian’s condition, he will not be worried about him because he didn’t grow up with him, he didn’t see who he was before and the disturbing course of the disease; Caleb will be indifferent to his condition and this is ideal for Ian.

Caleb is NOT Mickey, and Mickey, for Ian, is the realization of having something wrong. Mickey is the stability that the disease doesn’t want Ian to have.
Here we return to the previous point regarding 6×01:

Ian treats Mickey so badly, keeping him away, he’s incredibly cruel to him: this is the disease.
Ian smiles at some point: this is Ian.
Ian tries to hide said smile: the disease.
But he can’t completely, he shows Mickey that he’s hiding it: Ian.
These are Ian and disease arm wrestling for the supremacy and unfortunately Bipolar Disorder is winning and that’s because Ian’s condition is not being treated properly.
No one is helping him, no one is trying to disenchant him and telling him the truth, to reason with him and this is all fertile ground for the disease.
The only one who was helping him was Mickey and the disease has taken steps to remove the obstacle.
Ian and disease are still two separate entities. Only medicines and an adequate psychological support can prevent the disease to take over, making sure that Ian’ll become the main driver of his mind, albeit always with the shadow of bipolar disorder; he will never return the boy we knew before fourth season. That Ian will no longer exist, we will never see that kid again.

 

Latest clarifications dictated by what we saw in the 6×01:

– To give medication to someone who doesn’t accept his disease is irresponsible. And certainly not enough.
-We never saw Ian going to a psychologist or planning to go to a psychologist and nobody cares in the least, as long as he takes his meds everything is good. WRONG.
– They apparently care about him, but then he drinks beer after taking his meds; psychiatric drugs should NOT be in any way mixed up with any type of existing alcohol on this earth.

But again, no one seems to notice. The only one caring, ironically, was Mickey. Without Mickey there is no one who really cares for Ian Gallagher. And the disease made him out.

If Ian cared properly for his mental health, he would probably go back to Mickey. If Ian during this season starts the right treatment path there could be a real hope to see the two together again. Or, at least, Ian’s realization of his huge, huge mistake towards Mickey.

What we have seen so far in Shameless regarding mental illness it’s completely deviated, it’s throwing more fear and prejudice.
Of course the yield of dramas keeps million of viewers glued to the TV, increasing the turnover; but it must be given a different message to those who are facing all these diseases.
Suffering from Bipolar Disorder doesn’t necessarily means unhappiness, but the key to stillness lies in the right information and in being addressed to an appropriate care pathway, starting from acceptance. Including those around the subject; they must not be left on their own, just telling them “let him take the meds and let him come to the psychiatric sessions”, it’s wrong. Those who have a friend, a companion, a mental illness affected relative must be helped in the same way as the real patient. It’s a trauma for both.

We’ll never see this in Shameless, but we have some hopes for Ian, albeit weak. We must believe in the authors, even if it’s hard, because Ian’s reactions are truthful, they perfectly fit with the symptoms of a Bipolar I Disorder. Ian wasn’t written randomly, there are some solid basis for hoping and believing that they are doing a good job with Ian. Or have tried to, at least.
Most fans sees Ian Gallagher like a callous, apathetic and stoned asshole; they would like to punch him, kill the authors for how they set the character in this sixth season … we can say with certainty that they are not wrong, at least for now. What we have seen is perfectly in line with the symptoms of a not treated Bipolar I Disorder.

This article it’s not only aimed to rehabilitate Ian to the eyes of the fans, but also it’s aimed to be a healthy information message that we hope will reach as many people as possible.

Yes, It’s a life condition.
No, it’s not your fault.
No, you are not your illness.
Yes, you can accept the disease.
Yes, you can live.
Yes, you can repair the messes.
Yes, you can love and be loved.
Yes, you can be happy.

Italian version

 

Disturbo Bipolare e Shameless: perché Ian Gallagher non è Out of Character

English version

Questo progetto nasce per fare luce sul Disturbo Bipolare. Nello specifico di come viene trattato nel telefilm Shameless, concentrandoci, ovviamente, su Ian Gallagher.
-Citeremo fonti competenti, ci baseremo su testi scientifici qualificati e sulle parole dei dottori da cui una delle autrici è in cura.-

C’è da premettere che le malattie mentali, in generale, sono difficili da descrivere perché è impossibile generalizzarle. Ogni soggetto reagisce in maniera differente, non esiste un modo unico per mostrare questa malattia.

Nell’articolo verranno spiegati i vari tipi di Disturbo Bipolare e la sua forma meno invalidante, la Ciclotimia. Così da avere un quadro completo di tutti i sintomi, nella speranza che, chiunque affetto da tale malattia smetta di essere considerato uno stronzo, apatico, strafatto.

Speriamo che questo articolo sia utile a sfatare i miti che vengono creati da autori di serie TV che sembrano non essere capaci di fare totalmente il loro lavoro.
Seguendo questi programmi, ci si fa un’idea spesso sbagliata di determinate malattie, ponendo su di esse altra paura e pregiudizio più che sdrammatizzarle e renderle “accessibili” a tutti, o quasi.

 

Cos’è il Disturbo Bipolare

Citando Wikipedia; una fonte accessibile ai più e solo perchè in questo caso è corretta:

I disturbi dello “spettro bipolare”, consistono in sindromi di interesse psichiatrico sostanzialmente caratterizzate da un’alternanza fra le due condizioni contro-polari dell’attività psichica, il suo eccitamento (donde la cosiddetta mania) e al rovescio la sua inibizione.

Questa disregolazione funzionale si traduce nello sviluppo di alterazioni dell’equilibrio timico (psicopatologia dell’umore), dei processi ideativi (alterazioni della forma e del contenuto del pensiero), della motricità e dell’iniziativa comportamentale, nonché in manifestazioni neurovegetative (anomalie dei livelli di energia, dell’appetito, della libido, del ritmo sonno-veglia).

I disturbi dello “spettro bipolare” sono disturbi dell’umore – da non confondersi con i disturbi di personalità. (Cosa estremamente importante da tenere a mente).
Sulla base del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (D.S.M.), i disturbi bipolari comprendono il Disturbo Bipolare di I tipo, il Disturbo Bipolare di II tipo, il Disturbo Ciclotimico e la categoria, residua, del Disturbo Bipolare Non Altrimenti Specificato. In tutti è presente Psicosi, tranne nel Disturbo Ciclotimico.

Nel disturbo bipolare sono presenti episodi depressivi e episodi maniacali (o ipomaniacali).

I sintomi della depressione sono molto noti e conosciuti: umore depresso, pensieri negativi, sensazione di fatica e di scarsa energia (“non farcela”) nelle attività quotidiane, risvegli notturni angosciosi, idee di morte, mancanza di speranza, inappetenza o iperfagia, disaffezione rispetto alle attività prima piacevoli, ridotto desiderio sessuale, difficoltà a concentrarsi e a prestare attenzione, irritabilità, sensazione di incomprensione degli altri, indifferenza a manifestazioni di solidarietà.

I sintomi della mania sono abbastanza eclatanti, anche se in gradazioni diverse: inusuale umore espansivo, disinibizione, dispendiosità con il denaro, infaticabilità, allegria, iperattenzione con forte distraibilità, dispersione di energia in attività incompiute, irrequietezza, sovraeccitazione, euforia, irritabilità, aggressività e impulsività, aumento della velocità dei pensieri, ridotto bisogno di sonno, sovrastima delle capacità, bassa capacità di giudizio, abuso di droghe (specialmente cocaina, alcool e farmaci), aumento dell’attività sessuale, comportamento provocatorio, intrusivo o aggressivo. Si parla di episodio maniacale se i sintomi persistono per più di settimana.

L’ipomania è uno stato meno intenso rispetto allo stato maniacale e si distingue dalla felicità in quanto è percepita dagli altri come inusuale, non collegata agli eventi di vita.
Comunemente si distinguono due forme di disturbo bipolare: il disturbo bipolare di tipo I, caratterizzato da episodi depressivi e episodi maniacali e il disturbo bipolare di tipo II, caratterizzato da episodi depressivi e episodi ipomaniacali.

Episodi severi di mania o di depressione includono a volte sintomi psicotici, allucinazioni e deliri, che tendono a riflettere la fase dell’umore. Deliri di grandezza possono verificarsi durante la mania; deliri di colpa possono comparire durante la depressione.

Alcuni pazienti possono mettere in atto tentativi di suicidio. Il rischio è più alto all’inizio della malattia quando ancora il soggetto non ha chiaro di cosa soffra e come affrontare la sofferenza. Prima si riconosce il disturbo bipolare prima si imparerà a gestirlo e a chiedere aiuto nel momento giusto. Si deve prendere sul serio chi parla di suicidio e rivolgersi immediatamente all’attenzione di un sanitario, preferibilmente un medico psichiatra o uno psicologo. [1]

Nel dettaglio, visto il nostro interesse per Ian Gallagher:
Disturbo bipolare di tipo I: è caratterizzato dalla presenza di uno o più Episodi Maniacali o Episodi Misti per almeno una settimana; spesso le persone che ne soffrono hanno avuto uno o più Episodi Depressivi della durata di almeno due settimane; tali episodi causano disagio clinicamente significativo o compromissione del funzionamento sociale, lavorativo, scolastico

Poi, per meglio inquadrare il tipo I, considerato il più grave, queste immagini descrivono la differenza tra i disturbi:

bipolar 2

2qvh7x5

 

Come si può vedere, il disturbo Bipolare che ci interessa (di tipo I), ha un andamento decisamente più travagliato rispetto ai restanti due.
Si parte con:
– Crescente incremento dell’umore (Stagione 4)

tumblr_n0rhduNwlg1qbr8cio2_250.gif

– Episodio maniacale (Ipersessualità, distorsione della realtà, psicosi- sebbene questo lo si veda maggiormente nella quinta stagione.)

tumblr_nld3x9RMTc1r1hz6jo4_250.gif tumblr_nld3x9RMTc1r1hz6jo1_250.gif
Sempre per episodio maniacale ci sono da segnalare un paio di cose che non abbiamo visto ma conosciamo fin troppo bene.
Il periodo tra la fine della terza e l’inizio della quarta che noi non vediamo.
Il farsi il tatuaggio: che, tra l’altro, rappresenta un’aquila su un fucile, tipico simbolo militare. Posto su distintivi, medaglie, spille.
tumblr_n2ax7yRqdZ1qd7golo1_500 tumblr_inline_nhetonE41b1qiltnw 162_001
Ma ciò che ci interessa maggiormente, è il riferimento all’elicottero. Tenta di rubarlo e lo distrugge. Prende la cosa come un gioco, non ne capisce la reale gravità. Questo è un chiaro episodio maniacale. [4×08]

– Nella quarta vediamo, invece, la fase di ipertimia, ovvero vediamo l’individuo allegro, esuberante, scherzoso, ottimista, senza preoccupazioni, auto-rassicurante, millantatore, megalomane, estroverso, alla ricerca di persone, pieno di energie, ricco di progetti, che ricerca attività rischiose, versatile, che ha molti interessi ed è molto coinvolto in attività, indiscreto, disinibito, alla ricerca di stimoli nuovi.
1 2 ezgif-1565150170.gif

– Poi una caduta libera totale che nel giro di pochi giorni lo porta alla depressione maggiore (4×12 in particolare).

tumblr_n3o5a4CIQ51txschlo2_250.gif tumblr_n5yzas1RYe1tajbhpo5_r1_250.gif

La strada per uscire dalla depressione è in salita, e infatti come vediamo dal grafico, l’umore si alza lentamente e, alla fine, neanche del tutto; si rimane quindi sempre in uno stato di umore depressivo (noia, insoddisfazione, indifferenza, apatia, irritabilità, quindi l’inizio della quinta stagione) che è, se vogliamo, il periodo normale del Bipolare.
E il ciclo ricomincia:
Episodio maniacale (il rapimento di Yevgeny è frutto di una distorsione della realtà, della psicosi, e del “colpo di genio” che lo porta a scappare per “salvarlo”; deliri religiosi, allucinazioni; la 5×06 in particolare).

tumblr_nk1auwtXSQ1si59hho3_250.gif tumblr_nk1auwtXSQ1si59hho4_r1_250.giftumblr_njw5rlRF5y1rrl0mgo5_400.gif

Ma dov’è finito l’episodio depressivo subito dopo? E perché ha iniziato a comportarsi tanto male dopo la 5×06?

Vediamo questo dividendo in punti:

– “dov’è finito l’episodio depressivo subito dopo?”

Ian, dopo la 5×06, ha ricevuto un aiuto psicologico che si può ritenere valido pari a zero.
È passato da un ricovero forzato (trattamento sanitario obbligatorio (T.S.O.)) a cui ha dovuto dare il consenso senza però sapere che cosa stesse succedendo (“Il bipolare non si conosce.”- [2] ) all’abbandono totale; l’importante, per la famiglia, era quello di sedarlo, perché –ammettiamolo- avevano paura che avrebbe fatto un’altra cavolata; erano preoccupati, e questo è un bene all’apparenza.

Quindi è passato da psichiatri incompetenti, a tornare a casa senza più vedere dottori e senza un percorso terapeutico adeguato.
Si è spaventato per l’effetto delle medicine, perché se non si accetta che la propria condizione non è sana; non si potrà mai accettare il fatto che ci si deve abituare a sentirsi così, con le medicine, per i primi periodi.

Tutto questo, in un certo senso, ha arrestato il possibile attacco depressivo; ma ha decisamente scombussolato i già precari equilibri psico-fisici di Ian. In più, certe cattive compagnie, l’hanno deviato ulteriormente.

-“perché ha iniziato a comportarsi tanto male dopo la 5×06?”

A parte tutti i motivi elencati sopra, che hanno indubbiamente contribuito; la frustrazione, la confusione e quant’altro, dobbiamo prendere in considerazione il comportamento di Mickey nei suoi confronti.
Purtroppo, come succede tante volte, quando la persona che ami si ammala, è inevitabile preoccuparsi ed interessarsi alla malattia più che alla persona in sé.

Non c’è da fare alcuna colpa a Mickey, anzi, ma se prendiamo i sentimenti di Ian si capisce perché sia arrivato a dire certe cattiverie nella 5×10 e, successivamente, nella 5×12; non avendo accettato la propria condizione, i comportamenti iperprotettivi del compagno riesce a spiegarseli fino ad un certo punto. Si sente più che altro incompreso, diverso, isolato in una campana di vetro –e non è mai la soluzione migliore.
Ma questo chi glielo dice a Mickey, che è solo tanto innamorato e tanto in ansia per la persona che ama? Ma allo stesso tempo, chi glielo dice ad Ian che Mickey è spaventato tanto quanto lui?
È un’incomprensione generale, che fa male e ferisce entrambi allo stesso modo.

Analisi puntate

Ora confrontiamo alcune puntate e i relativi comportamenti di Ian, iniziando anche a ridare un po’ di speranza ai fan della coppia, magari; per dimostrare che molto probabilmente gli autori qualcosa su questa malattia l’hanno letta.

La reazione di Ian nella 5×06 è sensata, come anche nelle successive; compresa la tanto odiata 6×01. (Di questa apriremo un capitolo a parte).

Come detto in precedenza, i disturbi dello “spettro bipolare” sono disturbi dell’umore – da non confondersi con i disturbi di personalità. Questo lo vogliamo specificare, nuovamente, per dire che una persona Bipolare è sempre la persona che conoscete, sempre. Non cambia personalità: se non curata vi sembrerà un’altra persona ma non è così, lei è sempre lì.
La persona bipolare è una persona come tutte le altre. Il primo sbaglio che si fa con una persona affetta da tale disturbo, è proprio quello di non riuscire a vedere oltre quella barriera che è la malattia.

Partiremo da alcune citazioni, prelevate dal blog già citato precedentemente [2] e cercheremo di ragionare insieme sul perché dei comportamenti di Ian, e successivamente sul perché potrebbe non essere la fine definitiva dei Gallavich.

 

“Le relazioni con un bipolare sono complicate, complesse, dolorose. Il bipolare non ha vie di mezzo, transizioni. Una delle caratteristiche di questo tipo di persone è la noia: si annoiano spesso e facilmente della routine e delle cose. Bisogna essere poliedrici per intrattenere una persona bipolare per lungo tempo. Il bipolare si sente sempre incompreso perché l’incomprensione comincia da se stesso, lui non si capisce. Il bipolare è triste o allegro ma non sa perché; ti ama o non ti ama e non sa perché; è annoiato o meno ma non sa il perché. Il bipolare non si conosce.”

Che cosa vi ricorda? Ding, ding, ding!

Avete presente quando Ian inizia a collezionare valige?
Quando Ian (a causa dell’ipersessualità) cerca e trova modi per fare soldi facendo sesso a destra e a manca? Quando Ian sembra così annoiato, apatico, cattivo, durante tutta la prima metà della quinta stagione? Questo concetto spiega alla perfezione il perché di quei comportamenti squinternati e apparentemente indefinibili. Si leggono troppe volte commenti del tipo: “Chi è quell’Ian? Non lo conosco.”, fidatevi, è lì sotto, da qualche parte, che combatte la malattia mentre essa prende il sopravvento, senza mai vincere.

 

“Molti però preferiscono non ritenersi responsabili in prima persona della loro situazione, preferiscono sapere che la loro malattia è organica e che non c’è nulla da fare.”

(“Too much is wrong with me. That’s the problem, isn’t it? Too much is wrong with me, and you can’t do anything about that. You can’t change it. You can’t fix me because I’m not broken. I don’t need to be fixed, okay? I’m me.”) [5×12]

Oh, credici Ian. Sei in pezzi come non lo sei mai stato in vita tua. Sei in pezzi ed è così, la strada è in salita, ma non è vero che niente e nessuno potrà mai cambiarlo. Non è vero che quello sei tu; ma provate a spiegarglielo, quando la sua convinzione è, per l’appunto, quella che non ci sia nulla da fare.*

*Ricordiamo che prima della 5×12, Ian è stato in compagnia di Monica. Durante la sua visita, Monica lo convince di essere un peso per Mickey; lo convince del fatto che Mickey voglia cambiarlo e che gente come loro possa trovare la felicità e l’amore anche restando loro stessi. (“Ian, there’s always gonna be people that are gonna try and fix us, and you can never make those people happy.  Like, it breaks their heart just to look at you. I’m sure he means well, but you need to be with people who accept you for who you are. And they’re out there. You should never apologize for being you. You, Ian. I love you.”)
Monica, secondo voi, ha mai accettato la sua malattia? Si è mai rimessa in carreggiata? O è rimasta della convinzione che la malattia faccia parte del suo essere? La risposta la conosciamo tutti. Inoltre, vi ricordate come Ian pianga al solo sentire il nome di Mickey? Faremmo meglio a non scordarcelo tanto facilmente, perchè questa è la prova che sotto al turbine nero del bipolarismo c’è ancora Ian.

Ah… Avete mai provato a mettervi nei suoi panni? Avete mai provato a chiedervi perché arrivi a dire quello che ha detto nella 5×10? Mettiamo il caso che vi sia stata appena diagnosticata una condizione a vita del genere, che non vi permetterà più di vivere i vostri giorni come credevate. Siete certamente scioccati, e il più delle volte non comprendete come l’esservi sentiti “felici” possa essere indice di una condizione di malattia cronica. Non comprendete e non accettate. E non avete neanche il tempo di metabolizzare il tutto, di grattarne la superficie, che le persone attorno a voi iniziano a cambiare come se nulla fosse.

“È per il tuo bene”, vi dicono, “siamo solo preoccupati”. Ma come si può anche solo pensare di affrontare un cambiamento tanto drastico e traumatizzante se le persone che ami non sono più le stesse? Se i tuoi fratelli ti guardano aspettando solo che tu faccia la prossima pazzia? Se ti dicono che per essere normale devi prendere queste e quelle medicine, senza farti capire? Se la persona della tua vita da essere colui di cui ti eri innamorato si trasforma nel suo esatto opposto, mostrando un lato di se che, comunque, ha sempre preferito reprimere? Ovvio che, tutto questo assieme non faccia che fare del male ad una psiche già compromessa. Ian è alla deriva. Ian è malato, non capisce, nemmeno accetta la sua malattia; come si può fargliene una colpa se sembra stronzo, cattivo, apatico e strafatto? Non sta avendo nemmeno un reale aiuto, anzi, lo stanno -per mancanza di informazioni- torturando ulteriormente.

 

“I bipolari […] hanno una serie di relazioni travagliate, con difficoltà a chiuderle e tendenza a tenerle in piedi nel tempo. Sono persone che hanno difficoltà col processo di perdita dell’altro, che tendono a non terminare mai le relazioni, a non chiuderle ma a scomparire. Non riescono ad avere un confronto costruttivo sulla relazione, non riescono a affrontare il dolore della separazione e l’angoscia abbandonica. Quindi come già detto scompaiono letteralmente gettando nel panico chi è al loro fianco.”

Non possiamo citare la 5×06, in questo caso, perché quella non può essere considerata come una fuga dovuta alla relazione con Mickey, ma una conseguenza dell’episodio maniacale.

Si parla di scomparsa di questo tipo se prendiamo in considerazione il momento in cui Ian decide di andarsene con Monica alla fine della 5×11; partiamo da questo punto, dalle cattive relazioni di cui si parlava prima.

Una persona bipolare ha, ovviamente, una mente molto vulnerabile, un carattere volubile ed una capacità di decisione condizionabile. Quando Sammi fa sbattere in prigione Ian, tutte le sue certezze scompaiono nel momento in cui si ritrova in quel luogo infernale. Se vogliamo, Ian stava iniziando ad accettare la propria malattia durante la 5×10; più che accettarla, stava come minimo iniziando a rivalutare le azioni “anomali” di Mickey, a comprendere il perché del suo cambiamento e ad essere speranzoso per la propria relazione e per il proprio futuro. Ma poi è ricaduto nel vortice, e di questo bisogna –ovviamente- incolpare gli autori. L’ennesimo squarcio in una relazione che a malapena stava cominciando a stare in piedi dopo cinque stagioni.

Quando parla con Monica, poi, si sente capito; sa che anche Monica è bipolare, si sente compreso perché chi meglio di Monica sa come ci si sente? E lei è furba, per convincerlo a scappare tira in ballo Mickey, parla del fatto che lo voglia cambiare e che non deve necessariamente cambiare, perché lui è quello che è e se il suo ragazzo non lo accetta vuol dire che non lo ama. Lo convince che gli stia solo facendo del male, e che ci sono persone nel mondo che lo ameranno senza fargli pesare la sua malattia.
Tutto questo è deleterio per Ian e, in generale, per i soggetti affetti da questo disturbo.
Il Disturbo Bipolare va sempre curato. E’ una malattia, non un tratto caratteriale come potrebbe essere l’egoismo. L’egoismo che Monica mostra con queste parole.
Avere una malattia mentale non significa essere suddetta malattia. Ma non significa neanche far finta che non esista. Bisogna accettarla, farla essere parte di sé ma senza che ci domini e ci porti alla rovina, alla solitudine. Bisogna prendere atto della malattia che si ha e poi di chi si è indipendentemente da questa, perché non coincidono mai le due cose. Ma, ancora, nessuno ha mai spiegato ad Ian tutte queste cose, e quindi prende le parole di Monica come oro colato, ci giustifica la sua voglia di scappare e di non affrontare le cose e coglie la palla al balzo, sparendo.

Nella 5×12 è chiaro come gli sia stato fatto il lavaggio del cervello, è chiaro anche come Ian faccia di tutto pur di non avere una conversazione costruttiva con Mickey; si sfoga, parla solo lui, Mickey è inerme e tutto questo perché Ian non ha la minima intenzione di sentirsi dire il contrario. Perché sotto sotto sa che non è la verità, lui della verità ha paura, preferisce dare la colpa a Mickey più che accettarla.
Questo ci porta alla 6×01.
Tutti abbiamo un po’ odiato Ian in questa puntata, ammettiamolo. Chiunque l’abbia difeso è rimasto interdetto da tanta inspiegabile cattiveria.
Quasi stavamo per cedere pure noi, fino a quando, alla fine, Ian non dice quelle parole.

“Ti aspetterò”. Siamo rimaste di sasso, e non per i motivi che vediamo scritti in giro. Non perché Ian è perfido e vuole illuderlo, ma perché Ian è tanto malato quanto sospeso tra due realtà. E’ straziante.

Perché dire a Svetlana che non vuole più avere a che fare con “quella parte della sua vita”, definendola “chiusa”, per poi ritrovarsi di fronte ad essa e dimostrare l’esatto opposto? C’è un motivo per il quale Ian non vuole andare, per il quale arriva addirittura ad essere convinto solo sotto compenso.
Ian ha paura che una volta lì, tutte le sue convinzioni di essere andato avanti cadranno inesorabilmente. Perché funziona così, come detto sopra, lui non riesce a chiuderla la relazione.
Ha paura, è terrorizzato, per questo preferisce portarla avanti senza però neanche crederci, senza volere davvero averne una. Vuole che sia lì, che continui ad essere lì come “piano di riserva”. -E la parte di Ian sotto la malattia nemmeno vuole farlo.-
E questo potrà sembrare crudele, ma non è che frutto di una mente malata, non di una persona cattiva.

Ian, è sì egoista, ma non così tanto da dare una speranza tanto grande ad un uomo che passerà anni della sua vita in carcere. E che, si suppone, abbia amato e ami. Non così cattivo da guardarlo negli occhi dopo non aver avuto il coraggio di farlo per tutto l’incontro, e solo per dirgli che lo aspetterà.
Ci deve essere un fondo di verità a quella promessa schiva, un fondo di paura di affrontare quella che può essere la fine della loro relazione o addirittura la promessa di una rinascita. Ian ha paura di entrambe. E quindi scappa, di nuovo, come abbiamo detto, perché non riesce a fare altro. Perché, in un certo senso, non vuole più ferirsi e vuole far finta di essere davvero andato oltre a quella parte della sua vita.

Ed illudersi è facile, soprattutto quando c’è tanto altro schifo da dover accettare, e Ian lo fa, perché è la via meno dolorosa.

Ian è ancora lì, sotto il turbine nero del Bipolarismo, non lo vediamo perchè la malattia lo sta divorando; ma è lì. Lo vediamo nel sorriso e nel volerlo nascondere quando è da Mickey, nella 6×01, quello è Ian. Ma la malattia gli dice di cacciare Mickey, di scappare. E’ davvero tutta colpa della malattia, e gli autori non gli stanno dando abbastanza spazio per capirlo. Come non hanno mai fatto.

Tutto ciò che vedremo di negativo nei comportamenti di Ian sono colpa della malattia. Il suo essere apatico, è colpa della malattia. Servire i dolcetti al pompiere (stando agli spoiler) sarà colpa della malattia.

 

“In particolare la fuga […] rappresenta per loro un modo di cercare altrove un’instabilità affettiva che non riescono a trovare nella relazione ufficiale; instabilità affettiva che vada a pari passo con il loro umore.”

Dandan. Il “famoso” pompiere. Anche ciò che accadrà con lui è frutto della malattia.
Secondo gli spoiler: a Caleb non frega un bel cavolo di Ian, non si preoccuperà per lui perché non è cresciuto con lui, non ha visto chi era prima ed il preoccupante decorso della malattia; Caleb sarà indifferente alla sua condizione e per Ian, questo, è l’ideale.

Caleb NON è Mickey, e Mickey, per Ian, è la realizzazione di avere qualcosa di sbagliato. Mickey è la stabilità che la malattia non vuole abbia.
Qui ritorniamo al punto precedente riguardante la 6×01:

Ian tratta malissimo Mickey, lo tiene lontano, è crudele con lui: questa è la malattia.
Ian ad un certo punto sorride: questo è Ian.
Ian cerca di nascondere il sorriso: malattia.
Ma non riesce a farlo davvero, completamente, mostra a Mickey che lo sta nascondendo: Ian.
Questi sono Ian e la Malattia che fanno a braccio di ferro per la supremazia, purtroppo sta vincendo il Disturbo Bipolare per il semplice fatto che Ian non si sta curando adeguatamente.
Nessuno lo sta aiutando, nessuno sta provando a disincantarlo e a dirgli la verità, a farlo ragionare e questo è terreno fertile per la malattia.
L’unico che lo stava aiutando era Mickey e la malattia ha provveduto a rimuovere l’ostacolo.
Ian e la malattia sono ancora due entità separate. Solo le medicine e un supporto psicologico adeguato possono impedire alla stessa di prendere il sopravvento, a fare in modo che Ian diventi il pilota principale della sua mente, seppure per sempre con l’ombra del Bipolarismo che non lo farà più tornare il ragazzo che conoscevamo prima della quarta stagione. Quell’Ian non esisterà più, non vedremo mai più solo quel ragazzo.

 

Ultime puntualizzazioni, dettate da ciò che abbiamo visto nella 6×01:

– Far prendere le medicine a qualcuno che non accetta la malattia è da irresponsabili. E non basta certamente.
– Non si è mai visto Ian andare dallo psicologo o pianificare di andare dallo psicologo e nessuno se ne preoccupa minimamente, finché prende le medicine va tutto bene. SBAGLIATO.
– Si preoccupano tanto per lui e poi beve birra dopo aver preso le medicine; gli psicofarmaci NON vanno in alcun modo mischiati con qualsiasi tipo di alcolico esistente su questa terra.

Ma, di nuovo, nessuno sembra farci caso. L’unico, per ironia, era proprio Mickey. Senza Mickey non c’è nessuno che abbia Ian Gallagher a cuore. E la malattia l’ha fatto fuori.

Se Ian si curasse adeguatamente tornerebbe da Mickey. Se Ian nel corso della stagione inizierà il giusto percorso di cura ci potrà essere una reale speranza per vedere di nuovo i due assieme. O, almeno, la presa di coscienza di Ian di aver fatto una gran cavolata a mollarlo.

Ciò che abbiamo visto finora in Shameless per quanto riguarda le malattie mentali è completamente deviato, buttando altra paura e pregiudizio.
Certo, i drammi fruttano tanto, tengono incollati milioni di spettatori aumentando il fatturato; ma deve essere dato un messaggio diverso a chi affronta tutte queste malattie.
Essere affetti da Disturbo Bipolare non è necessariamente infecità, ma tutto sta nell’informazione e nell’affrontare un percorso di cura adeguato, partendo dall’accettazione. Comprese le persone che circondano il soggetto; non devono essere abbandonate a loro stesse, dire loro “fategli prendere le pillole e fatelo venire alle sedute”, è sbagliato. Chi ha un parente, un amico, un compagno, affetto da malattia mentale deve essere aiutato allo stesso modo. E’ un trauma per entrambe le parti.

In Shameless non vedremo mai questo, ma possiamo dire di avere speranze per Ian, seppur deboli. Dobbiamo credere negli autori -sebbene con immensa fatica-, per il semplice fatto che le reazioni che vediamo in Ian sono vere, si incastrano alla perfezione con i sintomi del Disturbo Bipolare di Tipo I, non sono frutto di una costruzione alla cavolo del personaggio. Ian non è stato scritto tanto per essere inserito e stop, ci sono basi solide per avere speranza e per credere che, con lui, stiano facendo un buon lavoro. O ci abbiano provato, almeno.
La maggior parte dei fan vedono Ian Gallagher come uno stronzo, insensibile, apatico e strafatto; vorrebbero prenderlo a pugni, uccidere gli autori per come è stato impostato il personaggio in questa sesta stagione… noi possiamo dire con certezza che non hanno sbagliato -per ora- ciò che abbiamo visto è perfettamente in linea con i sintomi di Disturbo Bipolare di Tipo I non curato.

Questo articolo non è solo nato per riabilitare Ian agli occhi dei fan ma vuole anche essere un messaggio d’informazione sana che speriamo arrivi a più gente possibile:

Sì, è una condizione a vita.
No, non è colpa vostra.
No, voi non siete la vostra malattia.
Sì, si può accettare la malattia.
Sì, si può vivere.
Sì, alle cavolate si rimedia.
Sì, si può amare ed essere amati.
Sì, si può essere felici.

English version